mercoledì 13 marzo 2013

LA LUNGA STRADA PER DIVENTARE UNA "RESDORA"

Sono nata a Reggio Emilia e come tutte le ragazze emiliane sono cresciuta con la presenza di super-mamma e super-nonne sempre alle prese con la produzione famigliare, ma bastante per l'intera Emilia Romagna, di pasta fresca all'uovo ripiena e non.....tortelli, lasagne, ravioli, tagliatelle e i mitici cappelletti reggiani anche conosciuti come tortellini (da chi reggiano non e'...o da chi si chiama Federico Fellini che ne mangiava a tonnellate da Cesarina a Roma).

I Cappelletti sono una ricetta per vere RESDORE ovvero quelle incredibili creature, autoctone emiliane, che gestiscono l'economia della casa e preparano pranzi luculliani per enormi famiglie senza apparente difficoltà. 

La strada per diventare RESDORA e' lunga e accidentata, io sono all'inizio quindi per ora mi permettono solo di guardare e centellinano i loro segreti ;)

In attesa di sperimentare ricette più elaborate sotto la loro guida, posso pero' farvi vedere il rush finale che da' vita a queste perfette meraviglie. Una volta pronto il ripieno (la cui ricetta, spesso un po' diversa in ogni famiglia e si tramanda da madre in figlia per generazioni) si tira la pasta sottile "al punto giusto" e molto in fretta, per non farla seccare, si procede con la piegatura.


Come potete notare dalla foto andavano talmente veloci che le mani rimanevano sempre fuori fuoco!
Il ripieno
La piegatura a mano

Il risultato può essere servito con brodo di carne oppure con la panna a volte anche aromatizzata: la mia versione preferita e' al tartufo!


Ho sentito dire che Massimo Bottura si e' innamorato della cucina, nascondendosi sotto il tavolo mentre le donne della sua famiglia preparavo leccornie emiliane. Avendo appena emulato il mio idolo posso solo dire: TRE STELLE MICHELIN ARRIVO!!!!!


4 commenti:

  1. Beh, sono deliziosi.. complimenti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Sara! Proverò al più presto le tue polpette!

      Elimina
  2. Simpaticissima presentazione...da me, nel ferrarese si dice "razdora" ma a parte questo tutto il resto è sovrapponibile, compreso i tortellini al tartufo nelle preferenze. Un abbraccio, lucia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Resdore/Razdore del mondo unitevi! un grande abbraccio a te Lucia :)

      Elimina